Skip to content

STORAGENEAR.US

Storagenear.us

Visionare film internet volerlo scaricare


  1. Come guardare film gratis senza scaricare
  2. Come scaricare film da Internet
  3. Migliori trucchi Facebook per aggiungere funzioni e vedere cose in più - storagenear.us

Vuoi scaricare video da Rai Replay su PC e guardarli offline? Guida TV/ Replay: per visionare l'elenco dei programmi dei canali in sul sito ufficiale della Rai e di volerlo scaricare e salvare sul PC per vederlo offline in altri momenti. portale di RaiPlay e avvia un video (Fiction, documentario, film, ecc.). Se vuoi scoprire come guardare film gratis senza scaricare, il primo sito Internet che ti consiglio di visitare è VVVVID. Non ne hai mai sentito parlare? Male!. Anche se ormai la Rete pullula di servizi per guardare film in streaming, tu vai alla ricerca di un buon programma per scaricare film da Internet e gustarteli anche. VISIONARE FILM INTERNET VOLERLO SCARICA - Per maggiori info consulta la mia guida su come guardare Netflix. Anche da smartphone, tablet, Smart TV. Quante volte vi sarà capitato di vedere un bel video-tutorial, un film o un video musicale su youtube, facebook o internet in generale e volerlo scaricare per.

Nome: visionare film internet volerlo scaricare
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 14.55 Megabytes

Novità e grandi classici. Idee, incontri, eventi. Dal libri e musica. Per tutti. Dall'incontro con l'autore alla musica live. Scopri l'appuntamento più vicino a te!

Regia di Peter Docter , Bob Peterson. In una sala cinematografica si proietta un cinegiornale su un esploratore, Charles Muntz, che è tornato dall'America del Sud con lo scheletro di un uccello che la scienza ufficiale qualifica come falso.

Prendiamo, ad esempio uno dei filmati contenuti nel CD Rom di Multimedia scuola e proviamo a visualizzarlo. Si vede Marisa che clicca sul file, parte il lettore su qualche secondo di uno dei filmati nel Cd Rom. L'alternativa è quella di partire dal programma, andare sulla voce file , apri e cercare il filmato che ci interessa. Se oltre a vedere video fatti da altri volessimo provare ad acquisire immagini da una telecamera o da un videoregistratore ci servirà, oltre naturalmente alla telecamera o al videoregistratore, anche una dispositivo di acquisizione.

Il vantaggio di questo dispositivo è che non richiede di aprire il computer. Basta connettere questo cavetto su questa porta - chiamata USB - mentre qui si collega alla nostra telecamera o al videoregistratore.

Qui abbiamo un normale videoregistratore. Come facciamo a collegarlo in modo da acquisire al computer il video di una cassetta? Si prende un adattatore per effettuare il collegamento.

Come guardare film gratis senza scaricare

Per fortuna esistono adattatori che ci consentono di trasformare facilmente una presa in un'altra. Naturalmente per acquisire un video oltre agli ingredienti 'hardware' - computer, scheda di acquisizione video, videoregistratore o telecamera - servirà un programma, un software. Per fortuna, tutti i dispositivi di acquisizione vengono venduti sempre assieme ad un programma per gestire tutte le fasi della cattura di uno video.

Attraverso questa finestra posso controllare il video che entra nel computer. Lo imposto su 'linea', dato che il videoregistratore è collegato all'ingresso di linea video.

Proviamo a vedere se funziona. Ecco, accendo il videoregistratore Talvolta i programmi sono invece preimpostati sul formato americano, NTSC. IN questo caso dovremo modificare l'impostazione dalla finestra di opzioni, per evitare che il video venga acquisito solo in bianco e nero e con cattiva qualità.

Come scaricare film da Internet

In questo caso ci servirà anche un altro programma, chiamato video editor: è un po' l'analogo per i contenuti video del nostro buon vecchio programma di videoscrittura, che ci permette di manipolare un testo, o degli editor sonori che abbiamo visto nella lezione precedente.

Una volta installato lo apro, al solito, dal menu programmi. Vedete, la finestra principale del programma è una sorta di linea temporale su cui i filmati appaiono come rettangoli di lunghezza pari al loro tempo.

Ora posso caricare i due spezzoni uno di seguito all'altro Vedere il risultato E infine scegliere il formato su cui salvare il filmato, per esempio avi. Volendo, con lo stesso programma, avrei potuto facilmente inserire un titolo iniziale nel filmato e una transizione tra i due spezzoni. Apro PowerPoint, ecco una presentazione di esempio, scelgo questa pagina, nella quale un po' di video starebbe bene Ecco, basta andare sul menu inserisci , oggetto e poi videoclip.

Per vedere qualcosa infatti siamo prima costretti ad attendere che dalla rete il filmato sia stato interamente scaricato sul nostro computer. Si tratta della cosiddetta tecnologia streaming. Questo stesso concetto, oltre che al video, si applica anche al suono, ad esempio nel caso delle radio che trasmettono su Internet. Attualmente la qualità delle trasmissioni in straming è limitata dalla bassa velocità di Internet ma si prevede che in un prossimo futuro, con l'aumento delle velocità di connessione, questa situazione cambierà radicalmente, permettendo la ricezione 'on demand' di streaming video di alta qualità.

Di fianco a lui un monitor di computer dove appaiono le situazioni descritte. Si interrompe il flusso e si riprende più avanti nel filmato. Il primo posto in cui cercare materiale radiotelevisivo in italiano su Internet è il sito della Rai. All'indirizzo www. Per quanto riguarda la radio, già da oggi c'è la possibilità di ascoltare molte stazioni in diretta. Un esempio è Radio 24 2 , una delle radio italiane che trasmettono anche in rete 24 ore su Dal sito di radioRai, 3 ad esempio, cerchiamo ed ascoltiamo un servizio sull'effetto serra contenuto nell'archivio di GR Scienza.

La pagina alle mie spalle, ad esempio, è quella offerta da Altavista, e si usa in maniera del tutto analoga a quanto abbiamo già visto per la ricerca di testo o di immagini. Possiamo anche indicare il tipo di formato video cercato, e se la ricerca riguarda filmati brevi o lunghi [ zoomata sui relativi particolari della pagina ]. Internet comunque è anche uno spazio a disposizione di tutte le scuole, per mostrare e scambiare le proprie esperienze anche in video.

Pierantozzi con i suoi studenti.

La scheda che abbiamo appena visto si concludeva con una testimonianza in video molto importante. E il prof.

Carlo Nonni, che ha collaborato alla sua realizzazione, ci mostrerà come ha operato per inserire in rete lo streaming video dell'intervista. Noi, dal canto nostro, lo utilizziamo per inserire in rete le lezioni di questo corso.

Un'ultima osservazione: il RealVideo non è l'unico formato video utilizzabile per lo streaming: anche per i formati Windows Media e Quicktime esistono strumenti gratuiti per la produzione di videostreaming, e il loro uso è assai simile a quello appena visto nel caso del RealProducer. Vediamo un esempio in cui si ascoltano trasmissioni televisive di altri paesi come supporto allo studio delle lingue. Filmato di una classe che utilizza la televisione satellitare per vedere un programma culturale in lingua prof Ebranati.

Mosaico è una mediateca messa a disposizione delle scuole da Rai educational. Tramite il sito di mosaico, all'indirizzo www. Vi ricordo che, per usufruire di questo servizio, è necessario prima iscriversi al club di mosaico compilando questo modulo di registrazione on line.

Supponiamo, ad esempio di voler approfondire la figura di Eraclito. In questo caso basterà digitare il nome del filosofo nel campo ricerca e sulla pagina appariranno i filmati in archivio. Scegliamo quello intitolato 'l'unità del molteplice', visualizziamo la relativa scheda riassuntiva, ed effettuiamo la richiesta di messa in onda.

Il servizio informerà della data e dell'orario di messa in onda, sia attraverso il palinsesto in rete, sia attraverso una mail al professore richiedente. Ovviamente, a questo punto sarà anche possibile programmare il videoregistratore, in modo da registrare la trasmissione e utilizzarla in classe, conservarla nella mediateca della scuola, ed eventualmente acquisire il video al computer e utilizzarlo all'interno di progetti didattici multimediali.

Concordare eventualmente con i responsabili di Mosaico in modo da realizzare la scheda nel modo migliore possibile. E come sempre, anche oggi per concludere la lezione, non mi resta che suggerirvi alcuni spunti di discussione ed esercizi che vi saranno utili per approfondire l'argomento.

A questo punto infatti tocca a voi provare a mettere in pratica quello che avete visto durante la puntata. E con questo chiudiamo anche la nostra settima lezione non prima di avervi ricordato che il sito del corso si trova all'indirizzo www. Da qui potete raggiungere il nostro forum in rete in cui sollevare dubbi e domande che non riuscite a risolvere all'interno del vostro gruppo di ascolto.

Vi ricordo anche l'indirizzo del sito di Mosaico www. In entrambi i siti troverete materiali utili per le vostre realizzazioni multimediali. Fra gli strumenti che potete utilizzare come complemento di queste lezioni vi segnalo infine anche un altro corso prodotto da RAI Educational - Educare al multimediale - che comprende 10 videocassette, 10 dispense e 2 CD-ROM. Educare al multimediale si sofferma in particolare sui concetti alla base della rivoluzione multimediale e sulle sue conseguenze culturali e sociali, e comprende un ampio spettro di interviste ai maggiori protagonisti della nuova era digitale.

Per avere informazioni, ed eventualmente prenotare Educare al multimediale potete telefonare al numero verde che vedete in sovrimpressione: E dopo questo ultimo suggerimento non mi resta che ringraziarvi per l'attenzione e darvi appuntamento alla prossima puntata.

OV speaker su grafica. In sottopancia scorrono i titoli di coda. Buona lettura, e buon lavoro! Carlo in CK su home page 3 Ed eccoci finalmente in studio dove, per discutere di questi argomenti abbiamo qui con noi, come sempre, Gino Roncaglia saluti e gli ospiti di oggi, insegnanti che hanno che hanno già avuto modo di sperimentare l'uso della multimedialità e dei video nella scuola.

Evidenziate le parole in grassetto Pellicola cinematografica tipo sigla Anicagis in cui si vedono i singoli fotogrammi. Un video su monitor di computer parte da velocità bassa fino a sequenza fluida Alcune immagini del video vengono poste su una striscia sotto di cui si vede la forma d'onda del suono come su sequencer video.

Si vedono video di varie dimensioni e qualità su monitor. Si vede una forma d'onda sonora stereo. La scheda che stiamo per vedere ci parla proprio di questo. Carlo in studio Ha in mano un CD Scritte da inserire in cartelli grafica su videowall Prima della compressione 1 minuto Dopo la compressione 15 minuti 12 I formati di compressione video che possono essere utilizzati attualmente per codificare un filmato digitale sono numerosi.

Vediamo i più diffusi: AVI è il formato più usato per inserire video su CD ed è il formato standard utilizzato da Windows. La sua estensione è. Il video della nostra trasmissione - ricevuta attraverso il canale satellitare digitale di RAI educational - è dunque in questo formato. Se utilizzato su un computer, la sua estensione è. Ne parleremo più avanti. OV speaker su grafica R Si vede una cartella che contiene filmati codificati in vari formati.

Farsi aiutare da Gilberto per le immagini di questa scheda. Carlo in studio 18 [Gino] Entra e saluta Marisa. Prendiamo, ad esempio uno dei filmati contenuti nel CD Rom di Multimedia scuola e proviamo a visualizzarlo Si vede Marisa che clicca sul file, parte il lettore su qualche secondo di uno dei filmati nel Cd Rom. Vogliamo provare a usarne uno? Ecco, basta andare sul menu inserisci , oggetto e poi videoclip Ed ecco che il nostro filmato è stato inserito nella presentazione video [ si vede qualche secondo del filmato all'interno della presentazione ].

Si interrompe il flusso e si riprende più avanti nel filmato 5 - pagina Internet con canali radio 6 - filmato a bassa qualità seguito da uno ad alta qualità sempre in streaming 7 - video on demand in sottopancia 21 Il primo posto in cui cercare materiale radiotelevisivo in italiano su Internet è il sito della Rai. Carlo in studio 23 Filmato Carlo Nonni Contributo filmato 24 [Carlo] Gino, la procedura che abbiamo appena visto eseguire potrebbe essere utilizzata per inserire in rete un qualunque tipo di video?

Ma sono anche gli strumenti che ci permettono di comprenderla meglio? Video su computer comunque non vuol dire solo filmati.

Migliori trucchi Facebook per aggiungere funzioni e vedere cose in più - storagenear.us

Importanza di scegliere il tipo di video che meglio si adatta ad una data situazione didattica Si tratta di una nuova frontiera della didattica, o prevale il rischio di perdere tempo? Conviene fermarsi all'uso di materiale già realizzato? Permette di vedere gratuitamente diversi programmi, serie TV e varietà divisi per sezioni. Sono certo che ti è già capitato molte volte di guardare una serie TV, un programma o un varietà sul sito ufficiale della Rai e di volerlo scaricare e salvare sul PC per vederlo offline in altri momenti.

Per salvare i video di RaiPlay sul tuo computer, ti consiglio prima di tutto di registrarti e successivamente accedere a RaiPlay. Puoi farlo anche con Facebook, Twitter e Google.

Ora potrai effettuare il download video Rai e goderti il tuo programma preferito. Attenzione : Scaricare da Internet video di cui non si possiede la licenza è illegale. Una volta completata la registrazione, tappa sulla lente di ingrandimento , in alto a destra, e poi pigia su Cerca un programma per scrivere il titolo del film o serie TV che vuoi scaricare. Clicca sul risultato ottenuto e pigia sul tasto con freccia verso il basso , dove vedi scritto Guarda Offline.

Vedrai il contenuto scaricato ed avrai la possibilità di riprodurlo e guardarlo offline sul tuo dispositivo mobile. Fondatore di Informarea. Ha lavorato per molti anni come Analista Programmatore presso varie aziende utilizzando diversi linguaggi di sviluppo, oggi svolge un lavoro completamente diverso ma la voglia di comunicare e di condividere con il web i suoi studi e le sue curiosità lo hanno spinto a far nascere questo blog non solo per esprimere e mostrare la passione per questo mondo, ma anche per confrontarsi con nuove esperienze di sviluppo.